HomeMostre e SpettacoliLa mostra "Italo Cremona. Tutto il resto è profonda notte" presso la...

La mostra “Italo Cremona. Tutto il resto è profonda notte” presso la Galleria d’Arte Moderna di Torino (GAM)

La Galleria d’Arte Moderna di Torino ( GAM ) dedica una grande mostra antologica a Italo Cremona, uno dei pittori più originali e visionari del Novecento italiano. L’esposizione, intitolata “Italo Cremona. Tutto il resto è profonda notte“, ripercorre l’intera carriera dell’artista, dalle prime opere giovanili degli anni Venti fino agli ultimi lavori degli anni Settanta.

La mostra – curata da Giorgina Bertolino, Daniela Ferrari ed Elena Volpato – presenta circa un centinaio di dipinti, una selezione di disegni e incisioni, e alcuni scritti di Cremona. Le opere provengono da collezioni pubbliche e private, tra cui la GAM stessa, il Mart di Rovereto, i Musei Civici Luigi Barni di Vigevano, l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e i Musei Reali – Galleria Sabauda.

Il tema centrale della mostra è il “notturno, inteso come condizione espressiva, esistenziale e filosofica che pervade l’opera di Cremona. Il pittore torinese era infatti affascinato dal mondo dei sogni, degli incubi, delle apparizioni e delle immagini fantastiche. La notte, con il suo buio e i suoi bagliori, diventava per lui metafora della complessità dell’animo umano e della vastità dell’universo. Tutto il resto è profonda notte” è la frase con cui Cremona aveva concluso uno dei testi di “Acetilene”, rubrica che negli anni Cinquanta firmava per “Paragone”, la rivista di Roberto Longhi.

Il percorso espositivo segue l’evoluzione artistica di Cremona: dalle prime prove giovanili degli anni Venti alle opere della prima metà degli anni Settanta. Si snoda attraverso le stagioni creative dell’artista, evidenziando le sue costanti espressive: atmosfere metafisiche, visioni surreali, nature morte enigmatiche, paesaggi urbani desolati, mentre altre esplorano le architetture torinesi e la produzione di nudi dell’artista.

La mostra mette in luce gli aspetti più attuali e contemporanei dell’opera di Cremona, evidenziando la sua influenza su generazioni successive, oltre a contestualizzarlo nel panorama artistico torinese accanto ad altre figure come Carlo Mollino e Carol Rama.

Related Articles

Ultimi Articoli