localconsulting.it
lunedì, Maggio 27, 2024
localconsulting.it
HomeNotizieTerre Alfieri in Paniere propone due focus sul tema del Turismo Enogastronomico,...

Terre Alfieri in Paniere propone due focus sul tema del Turismo Enogastronomico, il 23 gennaio e 6 febbraio presso Agrisalumeria Luiset (AT)

Il Turismo Enogastronomico si sviluppa come una potente forza trainante, trasformando cantine e produttori alimentari in veri e propri protagonisti di viaggi culinari. Tuttavia, l’accoglienza turistica richiede una pianificazione strategica, un aspetto cruciale per la competitività aziendale. “Terre Alfieri in Paniere” (TAP), un progetto dedicato alla valorizzazione dei prodotti tipici delle aziende vinicole e agricole dell’Astigiano, approfondisce questo tema attraverso due seminari imperdibili dal titolo “Dinamiche e progettazione dell’accoglienza turistica.

Gli eventi, in programma il 23 gennaio 2024 e il 6 febbraio 2024 presso l’Agrisalumeria Luiset di Ferrere (AT) alle 18:00, saranno guidati da Sandro Minella, guida turistica, sommelier FISAR e assaggiatore ONAV, e Ilenia Colucci, amministratrice di Love Langhe Tour. Questi esperti illustreranno le linee guida chiave per strutturare o perfezionare offerte turistiche, evidenziando anche un caso di successo rappresentato da un’app innovativa di promozione turistica piemontese.

“Sempre più spesso, l’enogastronomia non è solo un modo per acquistare prodotti locali o assaporare piatti tipici, ma una vera esperienza per scoprire un luogo,” spiega Luigi Franco, presidente dell’Enoteca Regionale Colline Alfieri dell’Astigiano. L’obiettivo è fornire consigli pratici su come le Terre Alfieri in Paniere possano diventare protagonisti nella narrazione del territorio e delle sue eccellenze.

Durante i seminari, si approfondiranno le chiavi per sviluppare un’offerta turistica valida, partendo dall’analisi critica delle aziende coinvolte. Sandro Minella suggerisce di osservare l’azienda come se fosse la prima volta, senza dare nulla per scontato. “A parità di qualità di prodotto e servizio, perché un cliente dovrebbe scegliere me?” è la domanda chiave che guiderà la riflessione sull’identità aziendale e sui punti di forza da valorizzare, mantenendo coerenza con la filosofia e il territorio di appartenenza.

Il turista enogastronomico, desideroso di esperienze, richiede attività interattive che lo coinvolgano attivamente. L’esperienzialità diventa così il tratto distintivo che rende unica e irripetibile la visita. “Ascoltare il cliente è fondamentale, modulando il linguaggio e le proposte in base alle sue esigenze e aspettative,” sottolinea Ilenia Colucci. La diversificazione dell’approccio, che tenga conto di appassionati, food lover, giornalisti o turisti curiosi, risulta essere cruciale per un’interazione efficace.

Oltre a questi aspetti, un altro elemento cruciale è l’accessibilità. Rendere i luoghi turistici accessibili a tutti è un obiettivo prioritario, eliminando ogni ostacolo che potrebbe limitare l’esperienza di chi desidera visitare tali luoghi, garantendo un’accoglienza inclusiva e senza barriere.

Il viaggio inoltre, comincia dal sito web che gioca un ruolo di primo piano nella selezione della struttura. È quindi indispensabile investire nel SEO, proporre belle foto, accompagnate da spiegazioni chiare, veritiere e coinvolgenti. Fondamentale anche utilizzare in modo professionale i social media, affidandosi a professionisti.

Su questo tema il 23 gennaio sarà portato anche un case study: Giorgio Proglio, consulente di marketing digitale, presenterà la app Tabui che attraverso la realtà aumentata, sullo schermo del proprio smartphone, consente di visualizzare informazioni su quello che si sta inquadrando; una corsia preferenziale per accedere velocemente a informazioni su enogastronomia, sport, punti di interesse, paesi, percorsi, curiosità, beni architettonici, accessibilità e molto molto altro.

I seminari si chiuderanno con le degustazioni di alcuni prodotti delle Terre Alfieri in Paniere, a partire dai salumi dei “padroni di casa”, l’Agrisalumeria Luiset, insieme al miele di Woodland apicoltura e ai prodotti cerearicoli de Il Buon Seme e in abbinamento ai vini dei soci dell’Enoteca Regionale Colline Alfieri dell’Astigiano.

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria. Per informazioni e adesioni:t. 0173 216026 prenotazioni@lovelanghe.com.

Il programma di appuntamenti è rivolto a operatori di settore della ristorazione, strutture ricettive, aziende agricole, cantine del territorio, e proseguirà fino a marzo con un evento al mese.

I comuni astigiani che fanno parte di TAP sono Antignano, Celle Enomondo, San Damiano d’Asti, Cisterna d’Asti, Ferrere, San Martino Alfieri, Revigliasco d’Asti e Tigliole.

Ideato dall’Enoteca Regionale Colline Alfieri il progetto è finanziato tramite contributi europei dalla Regione Piemonte (PSR 2014/2020 sottomisura 16.4).
Il logo che identifica il progetto si compone di un paniere rappresentato da una mano che con cura e rispetto produce buon cibo. Quest’ultimo è raffigurato da un cuore, dal colore caldo, che contiene idealmente i prodotti.

Il Paniere Terre Alfieri
·        filiera vitivinicola – Terre Alfieri DOCG Arneis, Terre Alfieri DOCG Nebbiolo, Cisterna D’asti DOC, Barbera D’asti DOCG
·        filiera orticola e frutticola
·        filiera dello zafferano
·        filiera delle carni – Cappone di San Damiano d’Asti e carne della pregiata Razza Piemontese
·        filiera di salumi e formaggi
·        filiera delle farine anche derivanti da mais e grani antichi
·        filiera del miele

Aziende coinvolte nel progetto
·        Enoteca Regionale Colline Alfieri dell’Astigiano con i vini dei suoi soci
·        Agrisalumeria Luiset di Casetta Mauro
·        Azienda Agricola Ponte Ballerine
·        Azienda Agricola Cascina Margherita
·        Woodland apicoltura di Jacopo Vigilante
·        Azienda Agricola Agrituristica “Bricco Gallo” di Granzino Marco
·        Azienda Agricola Canta Lucia
·        Azienda Agricola Il Buon Seme di Vergnano Luisa

Seminari Gennaio Febbraio Terre Alfieri In Paniere

Related Articles

Ultimi Articoli