localconsulting.it
lunedì, Maggio 27, 2024
localconsulting.it
HomeVino e BevandeTre Bicchieri 2023 della Guida Vini d’Italia

Tre Bicchieri 2023 della Guida Vini d’Italia

Cinquantadue etichette in degustazione nello splendido Museo del Risorgimento per scoprire i vini premiati con i Tre Bicchieri 2023 della Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso. Ottima affluenza di pubblico con molti giovani. Il museo, che già si è prestato più volte a degustazioni di vino, continua a essere una scelta vincente. Occasioni come queste sono per me anche un modo per chiacchierare con addetti al settore e produttori che difficilmente si incontrano. Siamo arrivati in orario di apertura e usciti quasi a chiusura, sfortunatamente alcune bottiglie sono terminate prima del dovuto e non è stato possibile degustarle. Sul banco d’assaggio, 25 erano del Piemonte, 7 della Lombardia e le restanti distribuite nelle varie regioni d’Italia: sono riuscita ad assaggiare solo ventinove delle cinquantadue etichette. Molto interessante il Cannonau di Sardegna L’Ora Grande dell’azienda La Contralta 2020, che mi ha subito richiamato il classico abbinamento con il maialetto. Un Montefalco Sagrantino rock quello dell’azienda Terre de la Custodia, Exubera Rock ’16, confezionato con plettro per chitarra (anche se a quanto ci è stato riferito, il proprietario ama suonare la batteria), proveniente dalla vigna cru La Palombara con selezione manuale dei grappoli e affinati in diverse metodologie con l’utilizzo di barrique e tonneaux per 18 mesi e un anno in bottiglia. Diversi i Franciacorta in degustazione tra i quali spicca sempre l’ottimo Barone Pizzini con il suo Dosaggio Zero Bagnadore Riserva 2014 (ne ho due bottiglie in cantina). Interessante è Ballabio Farfalla Noir Collection Extra Brut Rosé, prodotto con uve Pinot Nero che possiede un persistente profilo aromatico. In Piemonte Torraccia del Piantavigna Ghemme Vigna Pelizzane 2015, che non assaggiavo da qualche anno è sempre così complesso, un vino che colpisce. Per concludere il Barolo di Paolo Manzone riserva 2016 invecchiato in tonneaux e botti grandi per 3 anni, più 2 anni in vasche di ceramica (anfore) e 1 anno in bottiglia.

Related Articles

Ultimi Articoli