localconsulting.it
lunedì, Maggio 27, 2024
localconsulting.it
HomeVino e BevandeAlla scoperta dei vini del Roero della Cantina Careglio a Baldissero d'Alba...

Alla scoperta dei vini del Roero della Cantina Careglio a Baldissero d’Alba in provincia di Cuneo

Sabato 6 aprile, sotto un cielo terso che esaltava i colori primaverili del Roero, ho avuto il piacere di visitare la Cantina Careglio a Baldissero d’Alba. Accolti con calore da Andrea, figlio di Pierangelo e laureato in enologia ad Alba, abbiamo avuto modo di apprezzare la passione e la dedizione che la famiglia Careglio riversa nella produzione dei suoi vini.

La cantina, a conduzione familiare, sorge su terreni sabbiosi, calcarei e argillosi. Durante la degustazione, abbiamo avuto modo di degustare tutti gli otto vini prodotti da Careglio, accompagnati da grissini, robiola di Alba e salsiccia di Bra.

Il percorso enogastronomico è iniziato con il Langhe Favorita, un vino bianco equilibrato e sapido, caratterizzato da fresche note erbacee di fieno e camomilla, unite a sentori floreali di glicine. A seguire, il Roero Arneis base, un vino dal colore giallo paglierino con profumi di frutta bianca come pesca, pera e mela Golden, perfetto per aperitivi o da abbinare a carni bianche.

Il Roero Arneis Riserva, affinata per 11 mesi in acciaio con batonnage e sosta sui lieviti. Degno di nota è stato anche il rosato di Nebbiolo Gramplin, un vino dal colore buccia di cipolla, fresco e beverino, con sentori di lampone e fragoline di bosco, ideale per accompagnare pizze o sushi.

Passando ai rossi, abbiamo iniziato con la Barbera d’Alba, un vino dalla bilanciata acidità e dai profumi di piccoli frutti rossi, con tannini morbidi e appena accentuati. Il Langhe Nebbiolo, affinato in acciaio per 7/8 mesi, ha conquistato con il suo colore rubino brillante e i profumi floreali di rosa appassita, ribes nero e frutti rossi. La gradazione alcolica di 14,5%, unita a una discreta acidità, lo rende un vino piacevole e non invasivo.

A seguire, il Roero Riserva, un vino fine ed elegante, di buon corpo e struttura, con tannini avvolgenti e vellutati. I profumi terziari di cacao, pepe nero, liquirizia e caffè tostato, uniti a una gradazione alcolica di 15,5%, lo rendono un vino complesso e appagante.

La degustazione si è conclusa con il Pinot Nero, l’ultimo nato della cantina Careglio. Un vino molto delicato, dai tannini fini e dai profumi di mirtillo, ribes nero e viola. Un’insolita sorpresa in terra di Roero, che ha saputo conquistare il palato con la sua finezza ed eleganza.

Related Articles

Ultimi Articoli