localconsulting.it
sabato, Maggio 25, 2024
localconsulting.it
HomeNotizieBarrio San Leopoldo: l'architettura di Cuba nell'obiettivo di Piero Ottaviano alla Phos...

Barrio San Leopoldo: l’architettura di Cuba nell’obiettivo di Piero Ottaviano alla Phos Centro Fotografia Torino – dal 29 maggio al 14 luglio 2023

Phos Centro Fotografia Torino ospita una straordinaria mostra dedicata alla fotografia di architettura di Piero Ottaviano, con un reportage unico sulle meraviglie cubane. Il progetto è realizzato con il sostegno del Gruppo Building, che continua a promuovere l’arte contemporanea e a sostenere talenti come Ottaviano.

Il lungomare de L’Avana, nel tratto del famoso Malecón, rappresenta un luogo simbolo per cubani e turisti di tutto il mondo. Phos Centro Fotografia Torino, in collaborazione con Gruppo Building, presenta dal 29 maggio al 14 luglio la mostra “Barrio San Leopoldo, una personale di Piero Ottaviano che esplora il fascino dell’architettura tipica di Cuba.

La mostra presenta una raccolta di 25 fotografie panoramiche, parte di un progetto più ampio, che ritraggono uno dei quartieri più rappresentativi della capitale caraibica. Attraverso gli scatti di Ottaviano, possiamo ammirare il tratto di lungomare che costeggia la costa nord della città, nel cuore del Barrio San Leopoldo, tra Paseo del Prado e Belascoain. Le fotografie mettono in risalto l’architettura eclettica di L’Avana, che riflette la vivacità culturale della tradizione cubana. Dai meravigliosi stili neoclassico e coloniale all’eleganza dell’Art Déco, fino all’influenza moresca e barocca, l’architettura di L’Avana presenta una varietà di stili che coesistono in armonia, nonostante la corrosione dovuta all’azione salina e alla scarsa manutenzione.

Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo
Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo

Gli scatti di Ottaviano, realizzati con un particolare formato di pellicola da 70 millimetri, rappresentano la prospettiva unica dell’artista e il risultato del suo ampio progetto di fotografia di paesaggio urbano e architettura. Ogni fotografia non è solo un’immagine turistica, ma una testimonianza della condizione umana e del contesto in cui si sviluppa. Attraverso gli edifici “animati” catturati dalle sue lenti, Ottaviano ci invita a esplorare la vita di chi abita il quartiere, trasmettendo l’anima di una comunità attraverso le forme architettoniche.

Barrio San Leopoldo” rappresenta una collezione unica di fotografie, realizzate con due camere panoramiche analogiche dotate di ottiche decentrabili, costruite dal rinomato maestro Giorgio Jano e donate a Piero Ottaviano. Utilizzando pellicola medio-formato per la fotografia aerea in bianco e nero, Ottaviano riesce a penetrare l’atmosfera e a incidere in modo maggiore, creando immagini di straordinaria profondità. La costruzione specifica delle macchine consente all’obiettivo di raggiungere il limite massimo, creando al contempo una forma particolare. L’assenza del mirino dona un carattere unico al rapporto tra fotografo, macchina e soggetto, rendendo impossibile stabilire con precisione l’inquadratura e producendo risultati unici e irripetibili.

Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo
Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo

Secondo Luca Boffa, CEO del Gruppo Building, “nella fotografia, l’architettura rappresenta una delle espressioni più contemporanee in grado di raccontare la realtà con immediatezza. L’architettura è testimone dei cambiamenti storici e riflette l’evoluzione sociale dei nostri tempi. Il viaggio di Ottaviano nel cuore de L’Avana cattura l’anima dell’isola e ci racconta l’evoluzione degli edifici e la trasformazione di un quartiere popolare. Per questo motivo, siamo orgogliosi di sostenere questa mostra a Torino, che ci permette di raccontare come l’architettura sia espressione della cultura e dell’identità di un luogo.”

Piero Ottaviano, parlando della sua mostra, afferma: “L’architettura influenza la vita di chi la abita e viceversa. Quando passeggiando in un luogo attraverso l’architettura, è possibile immergersi nella sua storia, soprattutto nella storia delle persone che lo abitano. ‘Barrio San Leopoldo’ racconta un quartiere relativamente piccolo come se fosse un reportage, dove, al posto dei ritratti delle persone, le case stesse diventano protagoniste, animate ed espressive come i volti delle persone. Nella mia interpretazione dello spazio, percepisco il soggetto in relazione al contesto che lo circonda. La fotografia panoramica mi permette di ottenere una visione globale, grazie alle macchine preziose costruite da Giorgio Jano, che riescono a trasmettere la mia visione unica.”

Piero Ottaviano è un fotografo specializzato in architettura e paesaggio urbano sin dagli anni ’90. Ha iniziato reinterpretando il concetto di cartolina in “Immagina Torino” e successivamente si è dedicato ad altre importanti città turistiche italiane. Nel corso della sua carriera, ha sviluppato progetti di reportage che documentano i paesaggi urbani, come il DTUJP (Detroit Torino Urban Jazz Project), in cui ha fotografato le aree industriali e civili di Detroit durante la crisi del mercato automobilistico del 2008.

Il suo approccio artistico si basa sul concetto che un soggetto sia percepito in relazione al contesto circostante, il che spiega la sua scelta di utilizzare il formato panoramico. Per quanto riguarda la fotografia commerciale, collabora con interior designer e imprese edili specializzate nel restauro di palazzi storici adibiti all’edilizia residenziale.

Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo
Piero Ottaviano, Barrio San Leopoldo

Related Articles

Ultimi Articoli