localconsulting.it
sabato, Maggio 25, 2024
localconsulting.it
HomeNotizieVilla Passalacqua nell’hotel migliore del mondo: la chef Viviana Varese porta la...

Villa Passalacqua nell’hotel migliore del mondo: la chef Viviana Varese porta la sua cucina sul Lago di Como

Passalacqua, una villa del XVIII secolo dai tratti fiabeschi situata a Moltrasio, è stata restaurata dalla famiglia De Santis e sarà pronta a rivelare al mondo la sua bellezza il prossimo 15 marzo. Ma questa riapertura segna l’inizio di un viaggio gastronomico, guidato dalla maestria culinaria della Chef stellata Viviana Varese.

In questa nuova avventura, la Chef si propone di riscoprire e reinterpretare la grande tradizione culinaria del passato. Passalacqua diventa il palcoscenico perfetto per questa performance culinaria, un’oasi di eleganza e gusto immersa nella storia e nella bellezza del lago. L’ispirazione di Viviana Varese affonda le radici nella nobiltà delle antiche villeggiature sul lago.
In quei tempi d’oro, le famiglie aristocratiche si ritiravano nelle loro dimore sul lago portando con sé i loro cuochi di fiducia, esperti nell’arte della cucina raffinata e attenti ai desideri degli ospiti più esigenti.
Così, la Chef Varese si impegna a rappresentare lo spirito di quei tempi, reinterpretando in modo attuale il ruolo della cuoca di casa. Vuole deliziare gli ospiti di Passalacqua con un mix di semplicità e raffinatezza, offrendo una cucina che esalta i sapori genuini e la ricchezza degli ingredienti locali.

Il menù sarà un omaggio alla cucina italiana tradizionale, arricchito da sapori del lago e delle terre circostanti. Un viaggio sensoriale che riporterà alla mente antiche memorie e atmosfere eleganti, trasformando ogni pasto in un’esperienza indimenticabile all’insegna del buono e del bello.

È stato facile innamorarsi di Passalacqua. È un luogo unico, di una bellezza ed eleganza difficili da esprimere a parole. È come un quadro che stimola la creatività. Lasciarsi ispirare dai dettagli di questa dimora storica è una sorta di magia che si fonde con l’arte della cucina. La storia, il lago, la tradizione e il fascino di un’epoca che sembra perduta – ma non lo è – sono gli ingredienti per la creazione di piatti che uniscono passato e futuro. Sono entusiasta ed emozionata per questo progetto, al quale sto dedicando l’anima; sarà la mia seconda casa“. Così Viviana Varese descrive il suo nuovo viaggio culinario sul Lago di Como.

Originaria della Costiera Amalfitana ma cresciuta nel Nord, Viviana Varese porterà alla tavola di Passalacqua la massima espressione dell’alta cucina italiana. Dalla prima colazione con dolci appena sfornati e pani caldi e fragranti, ai piatti gustosi preparati con le uova fresche delle galline della villa, ogni dettaglio sarà curato con maestria.

Presso la zona bar, accanto alla piscina o all’ombra dei platani, il fuoco sarà protagonista, con forno per la pizza e brace che esalteranno i sapori delle classiche ricette regionali italiane. Gli ospiti potranno curiosare mentre si prepara la pasta fresca, assaggiare torte appena sfornate e condividere chiacchiere con la brigata per scoprire le novità culinarie.

Il ristorante sarà il cuore dell’offerta gastronomica di Viviana Varese, dove pranzi e cene gourmet presenteranno piatti storici accanto a quelli della grande tradizione italiana, serviti con maestria e passione. Sarà un’autentica riscoperta della cucina casalinga, caratterizzata da qualità, tecnica, tradizione ed emozione, che profumerà di famiglia.

Paolo De Santis descrive così questo intreccio di storie: “La vita è spesso fatta di puntini che si uniscono e danno forma a qualcosa di nuovo, a nuove appassionanti avventure. Con Viviana è accaduto così, con naturalezza, come se fosse già stato scritto. Siamo davvero felici di averla con noi, perché Viviana è una grande cuoca ed è una persona straordinaria, piena di energia, passione e soprattutto di cuore. Valori che si ritrovano in ogni piatto che esce dalla sua cucina. Le abbiamo affidato un compito semplice ma difficilissimo, che lei definì rivoluzionario la prima volta che ne parlammo: riportare in tavola i piatti che ognuno di noi porta nel cuore“.

Related Articles

Ultimi Articoli